Tutte le ultime notizie sul riciclo della plastica e del legno: informazioni, aggiornamenti, normative e innovazioni nel settore.

Categorie

Un profondo impegno verso la carbon neutrality

4697 Visualizzazioni
 

Relicyc ha fatto della sostenibilità il suo punto di partenza e il suo valore distintivo, contribuendo a ridurre gli sprechi, a risparmiare risorse e a tutelare l’ambiente. In quest’ottica, l’azienda pone una forte attenzione verso la carbon neutrality (neutralità ambientale), che prevede la riduzione delle emissioni di gas serra e l’uso di fonti rinnovabili.

La carbon neutrality è infatti la capacità di un’attività, di un prodotto o di un’organizzazione di non avere un impatto negativo sull’ambiente, ovvero di non emettere più gas serra di quelli che riesce a eliminare o a compensare. La neutralità ambientale è un obiettivo importante per contrastare il cambiamento climatico e per promuovere uno sviluppo sostenibile. L’Unione Europea si è prefissa di raggiungerla entro il 2050, attraverso il Green Deal, una strategia che comprende diverse iniziative legislative e politiche in materia di clima, energia, trasporti, industria, agricoltura e finanza sostenibile.

Proprio in quest’ottica, Relicyc ha ottenuto la certificazione EPD, che conferma il risparmio di CO2 che si ottiene con il pallet da 4.7 kg di peso rispetto al pari portata in legno da 10 kg: 0,0864 kg di CO2eq ogni 100 km percorsi. In un anno, una piccola azienda che utilizza per le proprie spedizioni 20 pallet al giorno evita di emettere 432 kg CO2eq.

Grazie a questi dati certi, le aziende possono ridurre il loro impatto ambientale in modo reale (oggi non basta più dichiarare di essere sostenibili ma occorre dimostrarlo) impegnandosi ad essere più neutre possibili con azioni concrete.

Legalità e tracciabilità sono dunque le parole d’ordine di Relicyc. Garanzie sostenute anche da Certified Recycled Plastic®, il programma tecnologico che traccia in maniera immutabile e verificabile le risorse plastiche lungo l’intera filiera del riciclo. Punto di forza è la tecnologia Blockchain, che permette di raccogliere le informazioni relative ai materiali lotto per lotto attraverso QR code univoci. Grazie a Certified Recycled Plastic®, Relicyc offre quindi al cliente la possibilità di verificare in qualsiasi momento ciclo di vita, qualità, caratteristiche, conformità normativa e impatto ambientale dei prodotti, garantendo la massima trasparenza e sostenibilità.

Con Relicyc, dunque, pallet nuovo e pallet vecchio diventano un unico prodotto: uno è semplicemente l’evoluzione dell’altro. In questo modo il pallet può essere visto come uno strumento strategico per la sostenibilità economica e ambientale: analizzare un magazzino o un flusso logistico (movimentazione, stoccaggio, trasporto) coinvolgendo i diversi attori coinvolti permette di ottimizzare la tipologia di pallet utilizzata risparmiando denaro e limitando la CO2, coerentemente con l’obiettivo di carbon neutrality.

I dati di Relicyc confermano che il pallet in plastica viene immesso sul mercato molto più velocemente del legno: il primo è triplicato negli ultimi tre anni, mentre l’Epal in legno, ad esempio, cresce di circa il 7% all’anno. Il mercato conferma dunque la bontà del prodotto e ne riconosce il valore ambientale con il credito d’imposta in acquisto ed economico con la valorizzazione a fine ciclo vita.

Pallet in plastica ritirati (kg):
•    2021: 143.000
•    2022: 201.000
•    2023 (agosto): 376.000



 
Pubblicato in: News